Perché il radiocomando del cancello automatico non funziona?

Che tu abbia un cancello automatico, una serranda, una basculante per garage o una barriera, quando non funzionano è facile incolpare l’avvolgimento, la centralina o qualche danno più grave.

Ma è bene prima controllare le possibilità più banali.

Il radiocomando

Quando l’automatismo non funziona o fa i capricci, infatti, la prima cosa da fare è verificare se il radiocomando non sia danneggiato.

Il telecomando è il collegamento principale fra noi e l’automazione, è l’accessorio che interpreta letteralmente i nostri comandi.

Quando spingiamo un pulsante dell’apricacancello, fuoriesce un segnale radio che ha una determinata forma. Se questa forma viene riconosciuta, la ricevente abilita l’apertura del cancello automatico.


Per dare un’idea, pensa al gioco dei bambini in cui si devono infilare oggetti a forma di stella, cerchio, quadrato, ecc.. nel foro con sagoma identica. Se provi a infilare un esagono in un foro tondo, non riuscirai.

Questo è esattamente lo stesso sistema che permette al tuo telecomando di aprire il tuo cancello automatico e non quello del tuo vicino.

4 miti da sfatare sul radiocomando

Mito del led


Su un’estremità del radiocomando c’è un led, ma questo serve solo per fornirti un feedback visivo che ti indica che hai premuto il tasto o meno.

Se il led si accende, non significa che il telecomando trasmette, né che trasmette il segnale corretto.


Batteria


Ogni radiocomando ha una batteria.

Immagina come il serbatoio di una bomboletta spray. Quando è quasi esaurito, la bomboletta spruzza, sì, ma in maniera disomogenea. Analogamente, il telecomando dell’automazione funziona, ma la sua portata diminuisce notevolmente.


Pressione del tasto


Il radiocomando non funziona in modo istantaneo. Ha bisogno di tempo per creare la forma del segnale correttamente, fino a un secondo.

Per evitare malfunzionamenti, quindi, ti conviene tener premuto il pulsante per un secondo invece di un leggero tocco fulmineo.


Antenna


Metterla o non metterla?

Un’antenna collegata allarga l’imbuto di ricezione, per esempio da 20 metri potrebbe diventare 40 m.

Questo significa che nell’imbuto può finire anche qualche segnale che prima non entrava, e che va a modificare la forma del segnale (composta ora dal segnale del tuo radiocomando + l’interferenza).

Hai bisogno di aiuto o un intervento sulla tua automazione?

Se hai bisogno di un radiocomando nuovo, puoi trovarlo sul nostro negozio online shop.segema.net.

Se hai problemi di ricezione o vuoi ampliare la portata radio del radiocomando del tuo cancello automatico, però, devi rivolgerti a un professionista; non generale, ma delle automazioni.

Se vuoi richiedere un intervento su un’automazione o hai bisogno di assistenza tecnica su impianti GIBIDI, PROTECO, BFT, NICE, FAAC, e sei nella zona dei Castelli Romani, chiamaci al numero 06.863.578.69 o visita il sito DIAMATIK.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento