CANCELLO A BATTENTE NON CHIUDE O NON APRE TOTALMENTE?

Il caldo non infastidisce solo le persone.

Anche le automazioni ne soffrono, specie quelle oleodinamiche a battente. Infatti, col protrarsi dell’afa estiva i problemi si evidenziano sempre di più.

Ma perché?

Principalmente le cause sono due:

  • l’olio dell’automazione diventa meno denso con il caldo;
  • le guarnizioni non sono proprio in perfetta forma.

Infatti delle guarnizioni rovinate non riusciranno a impedire a un olio molto liquido di passare tra una camera e l’altra. Di conseguenza, la forza con cui il pistone spinge diminuisce notevolmente.



L’immagine qui sopra aiuta a capire meglio.

Come puoi vedere, se la guarnizione del pistone è rotta in un punto, l’olio (in giallo) riesce a passare da una parte all’altra. In questo modo non si riesce a creare la pressione adeguata per spingere lo stelo verso l’esterno quando il cancello chiude (o verso l’interno quando il cancello apre).

Quindi è tutta colpa del caldo?

In realtà no: il caldo ha solo contribuito a evidenziare il problema, rendendo l’olio più liquido.

In inverno questo problema si manifesta di meno perché con il freddo l’olio è più denso; di conseguenza, se la guarnizione ha solo delle piccole lesioni, passa meno olio da una parte all’altra.

In altre parole: il problema c’è comunque, solo che non te ne accorgi.

Questo, in realtà, è un bene per te. Infatti, se fosse colpa unicamente delle temperature elevate, non potresti fare nulla per risolvere il problema.

Nel funzionamento normale, le due aree contenenti l’olio (le due in giallo nella foto) devono essere
perfettamente separate, e ciò che le separa è proprio la guarnizione dello stelo.

Per risolvere il problema, quindi, ti basterà sostituire la guarnizione usurata con una nuova.

 


Per oggi è tutto, a presto!

 

Ti ricordiamo che i nostri sono comunque solo dei suggerimenti e, se hai dubbi, di rivolgerti sempre a personale specializzato.
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *